La tecnica del gesso - I presepi di Ernesto e Simone Fenili

Vai ai contenuti

Menu principale:

La tecnica

Materiale: scagliola, contenitori di vario tipo (vecchi palloni di gomma tagliati a metà), spatole di varie misure, punteruolo, pennelli, sega, lastre di cartongesso (pannelli utilizzati in edilizia per controsoffittare le abitazioni - negozi di materiali edili).

Preparazione del gesso:
 
In una bacinella riempita con acqua pulita getta il gesso delicatamente, come si usa fare con la polenta, finchè affiora dal pelo dell'acqua. Quando le bollicine d'aria sono cessate, con una cazzuola agita sempre da un verso finché l'impasto diventa una poltiglia cremosa.
Non esiste una regola per stabilire quale sia la proporzione tra acqua e gesso. Dopo alcuni tentativi comunque è facile regolarsi.
Utilizza come contenitore per l'impasto un mezzo pallone. Per togliere i residui di gesso rimasto è sufficiente schiacciarlo.
Per evitare che il gesso indurisca rapidamente impedendo di lavorare versa prima l'acqua nel recipiente e poi il gesso. E' importante che l'acqua e il recipiente siano perfettamente puliti.
Il gesso va versato polverizzandolo. Mescola il meno possibile.
Quando vedrai il gesso che hai versato affiorare al pelo dell'acqua, lo lascerai riposare per alcuni minuti. Vedrai che si formerà un impasto morbido, che potrai lavorare tranquillamente anche per parecchio tempo.
Buona regola comunque è impastare poco gesso alla volta.
Affinché il gesso solidifichi rapidamente basta aggiungere una cucchiata di sale comune all'acqua dell'impasto. Se devi prepare il gesso da versare in uno stampo o preparare le lastre, mescola in fretta e molto bene il gesso.
Il gesso teme l'umidità, conservalo in un locale asciutto ed aerato. Usare del gesso molto vecchio non conviene, si rischia di compromettere il risultato.

Lavorazione del gesso:
Crea la base sommaria della ambientazione che vuoi realizzare  in polistirolo od altro materiale leggero e poi ricoprila con uno spessore di circa 4-5 mm di gesso avendo cura di modellare già le rocce, il terreno, i muretti a secco e quant'altro; ti faciliterà poi il lavoro di scolpitura e finitura dei particolari.
Se devi realizzare dei muri di case utilizza il cartongesso; non dovrai fare una lastra colata ma li puoi trovare già pronti per l'uso, robusti e allo stesso tempo morbidi da incidere. Si trovano in diversi spessori e con uno strato di carta su entrambi i lati. Togli la carta solamente da una parte, inumidendo la superficie con acqua calda.


esempi di lavorazione di muro

Torna ai contenuti | Torna al menu